275
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-275,bridge-core-2.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-19.7,qode-theme-bridge,hide_inital_sticky,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default

PIACERE, MEDICI VETERINARI

Il modo per raccontare cosa facciamo

LE CAMPAGNE 2020

One Health

Tuteliamo il Made in Italy

Qualcosa sulla FNOVI

Chi è la Federazione

La Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani – FNOVI – è l’ente apicale italiano che riunisce tutti gli ordini dei Medici Veterinari delle province italiane, istituita con il decreto legislativo del Capo Provvisorio dello Stato n. 233 del 13 settembre 1946 e dal decreto del Presidente della Repubblica n. 221 del 5 aprile 1950.
L’organo di governo della Federazione è il comitato centrale che si avvale di 13 membri eletti ogni 3 anni, a sua volta eletti dal Consiglio Nazionale formato dai presidenti degli ordini provinciali; presente anche il collegio dei Revisori dei Conti che esercita il controllo sulla correttezza amministrativo-contabile, compiendo tutte le verifiche relative alla gestione economica, patrimoniale, finanziaria, vigilando sull’osservanza della legge, dello Statuto e dei Regolamenti interni.

Chi è il Medico Veterinario

Il Medico Veterinario svolge la professione medico veterinaria al servizio della collettività: tutelando la salute pubblica, degli animali e dell’ambiente. 

Le attività definite come “atto Medico Veterinario” sono di competenza dei Medici Veterinari, nello specifico coloro iscritti all’albo degli Ordini professionali territoriali; il Medico Veterinario è responsabile di ogni atto medico eseguito direttamente o sotto la sua supervisione e/o prescrizione.

Impegni

La FNOVI si impegna a:

  • Promuovere i rapporti con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni competenti  a favore degli iscritti agli Ordini; 
  • Esprimere pareri sui progetti di legge e/o di regolamenti che riguardano la professione; 
  • Adottare ed aggiornare il Codice deontologico;
  • Disciplinare l’esercizio  a livello territoriale e nazionale con regolamenti propri;
  • Vigilare sul regolare funzionamento dei Consigli dell’Ordine; 
  • Eleggere i propri rappresentanti presso gli organi e le istituzioni nazionali ed internazionali; 
  • Valutare, approvare e promuovere programmi di formazione e/o aggiornamento professionale continui ed obbligatori predisposti dagli Ordini locali.